Presentazioni

 

 

 

Siccome siamo un gruppo di amici che per passione produce birra casalinga, penso che il modo migliore di presentarci, non potendo stappare una bottiglia su internet, sia di far parlare le nostre ricette…

 

Presentazione linee e birre_2014

 

Presentazione linee e birre_2014_2

 

Ci trovate anche su facebook: http://www.facebook.com/GruppoBrassicoloSalvadega

 
Le materie prime che utilizziamo, ove possibile, sono legate al territorio in cui viviamo. Non ci è ancora possibile produrre interamente con materie prime autoctone o certificate, in particolare non riusciamo ancora ad ottenere malto d’orzo di qualità, però la maggior parte degli altri ingredienti sono prodotti da agricoltori valtellinesi che lavorano con metodologie tradizionali e con semi antichi recuperati da alcune associazioni specializzate, oppure coltivati direttamente da noi. Di seguito alcuni degli ingredienti e i loro produttori:
 

  • Grano saraceno di Valtellina – RAETIA Biodiversità alpine (Teglio). Presidio Slow Food del Grano Saraceno di Valtellina; Sotto la protezione della Fondazione Svizzera Pro Specie Rara
  • Segale alpina di Teglio – RAETIA Biodiversità alpine (Teglio).
  • Castagne affumicate – Attualmente provenienti dal Piemonte ma per la prossima cotta provenienti dalla Val Poschiavo
  • Noci – Stiamo cercando un fornitore locale. Attualmente abbiamo un lotto di noci provenienti da un albero di Piateda
  • Luppoli da birra autocoltivati (First Gold, Fuggle, Tettnanger, Target, Cascade). Altri in arrivo per il 2015.
  • Luppoli autoctoni raccolti nei boschi e poi autocoltivati (Attualmente una decina di varietà)
  • Miele per la Tananài – Bislach di MielErini
  • Succo di mele valtellinesi
  • Erbe di montagna valtellinesi, autoraccolte (es: pigne di pino mugo, bacche di ginepro)

 
Di seguito alcune foto della lavorazione delle birre che auto produciamo in maniera casalinga:
 
FB_20141103_17_33_16_Saved_Picture
 
La fase di cottura dei malti (e delle castagne, in questo caso)…

 
FB_20141103_17_33_34_Saved_Picture
 
Dopo essere stato raffreddato, il mosto viene ossigenato per favorire il lavoro del lievito
 

FB_20141103_16_45_48_Saved_Picture
 
Il fermentatore pronto per essere posizionato nella camera di fermentazione termoregolata.
 

FB_20141103_16_46_36_Saved_Picture
 
La fase di imbottigliamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...